top of page
  • Immagine del redattoreOsirc

Eurozona, Bce: crescono i prestiti alle imprese (nonostante i tassi)

I prestiti alle società industriali e commerciali sono aumentati dell’8,7% su base annua, il quinto aumento consecutivo e il livello più alto da gennaio 2009



Accelera ad agosto la crescita dei prestiti delle banche dell’eurozona alle imprese, malgrado l’aumento dei tassi di interesse. Lo afferma la Bce in un comunicato, secondo cui i prestiti alle società industriali e commerciali, rettificati per alcune operazioni strettamente finanziarie, sono aumentati dell’8,7% su base annua, il quinto aumento consecutivo e il livello più alto da gennaio 2009, in piena crisi finanziaria.

La crescita dei prestiti con durata inferiore all’anno è balzata del 18,7%.

Le imprese bussano sempre più alle porte delle banche per finanziare i costi operativi, resi più cari dall’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, in un momento in cui la Bce ha avviato un significativo aumento dei tassi d’interesse.

In forte aumento anche i prestiti alle imprese per un periodo compreso tra uno e cinque anni, del 9,8%. Mentre i prestiti alle famiglie, compresi quelli per i consumi e per la casa, hanno mantenuto ad agosto un tasso di crescita invariato del 4,5%.

Complessivamente, i prestiti rettificati al settore privato sono aumentati del 6,7%, più del doppio rispetto a un anno fa. La crescita della massa monetaria M3, al 6,1%, segna un rimbalzo in una fase di declino iniziata dopo il picco di inizio 2021 (+12,5%) mentre gli aiuti pubblici legati agli effetti della pandemia di Covid sono meno richiesto.

10 visualizzazioni0 commenti
bottom of page