top of page
  • Immagine del redattoreOsirc

MESSA IN MORA




La messa in mora è un’intimazione formale con la quale il debitore diventa a tutti gli effetti, vista l’impossibilità sopravvenuta al pagamento del credito, responsabile per il proprio debito a prescindere da ciò che può avvenire in seguito e non imputabile allo stesso debitore. 

Inoltre, stabilisce la responsabilità del debitore anche per i danni causati al creditore per il mancato pagamento. 

La lettera di messa in mora viene inviata dal creditore, o da chi per lui, tramite PEC (Posta Elettronica Certificata) o lettera raccomandata con ricevuta di ritorno

La durata della messa in mora può variare solitamente viene determinata una tempistica entro cui il debitore deve saldare la somma di denaro ma potrebbe verificarsi il caso in cui ci sia una richiesta di saldo entro un ragionevole periodo di tempo

Per avere valore legale, deve necessariamente contenere i seguenti elementi:

  • Specifica del titolo necessario per richiedere l’adempimento e descrizione dettagliata dello stesso;

  • Intimazione specifica ad adempiere a quanto dovuto, facendo riferimento agli articoli del Codice Civili che sanciscono la materia;

  • Termine ultimo entro il quale il debitore deve necessariamente adempiere;

  • Avviso di decreto ingiuntivo in caso di ulteriore inadempimento.

Dopo aver inviato una messa in mora possono verificarsi diverse situazioni, a seconda delle circostanze specifiche. Nel dettaglio: 

  • Adempimento dell'obbligo: la questione viene risolta e le parti possono continuare a operare secondo i termini del contratto.

  • Negoziazione: cercare di raggiungere un accordo attraverso delle modifiche al contratto originale, piani di pagamento o soluzioni alternative 

  • Recesso dal contratto: se il debitore non adempie all'obbligo entro il termine indicato, il creditore ha il diritto di recedere dal contratto. Ciò significa che la parte lesa può risolvere il contratto e potrebbe essere in grado di richiedere risarcimenti per eventuali danni subiti.

  • Azione legale: se le trattative o il recesso contrattuale non risolvono la controversia, la parte lesa può intraprendere azioni legali per far valere i propri diritti. 

2 visualizzazioni0 commenti

Комментарии


bottom of page